parallax background

Livia Gionfrida

Crowned Idols
Marzo 31, 2022
Alle Origini della Magna Grecia
Aprile 21, 2022
Crowned Idols
Marzo 31, 2022
Alle Origini della Magna Grecia
Aprile 21, 2022
Livia Gionfrida in Gioia Ph. Enrico Gallina

Livia Gionfrida

Il Teatro per la Vita

 
“Straordinaria densità culturale ed emotiva delle opere di Livia Gionfrida, regista, drammaturga e attrice di magica forza espressiva”. E ancora, per “il coraggio, nell’estrema fedeltà alla propria poetica. Il mettersi alla prova ogni volta in nuovi campi della ricerca, sensibile a ogni forma d’arte, sapendo rendere “popolari” anche le citazioni più colte e raffinate”.
Con questa motivazione l’Associazione nazionale dei critici di teatro assegna alla giovane artista il prestigioso premio per il 2018. E mi sembrano anche le parole più adatte per iniziare a scrivere di lei che proprio qui a Siracusa, la sua città di origine, ha dato un nome a quella dote che tanto le bruciava dentro, il teatro.
Gioia Ph. Duccio Burberi
 
Come i grandi talenti, la sua storia inizia sui banchi di scuola con il gruppo teatrale del liceo Gargallo. Dalla scatola dei ricordi saltano fuori allegre fotografie scattate durante gli spettacoli a Palazzolo Acreide, per il festival del teatro classico giovanile, l’inizio di un tenace cammino che la porterà a studiare con I.N.D.A., poi al D.A.M.S. di Bologna e infine a perfezionarsi al mestiere del palcoscenico con Luca Ronconi ed Elena Bucci, con i laboratori di Emma Dante e Davide Iodice. Tante le esperienze di questa siracusana che di strada ne ha fatta davvero tanta, come attrice e poi soprattutto come regista di spettacoli inediti che raccontano un mondo artistico sensibile e polimorfico.
Per Livia il teatro è Ricerca, oggi davvero rara fra gli autori, dove esplorare possibili linguaggi in nome di una raffinata estetica e con cui dare voce “agli spazi e ai territori di confine”, alle nuove generazioni. È Gioia, lo spettacolo con il quale si impone sulla scena nazionale vincendo il premio della critica, a svelare la sua anima artistica. Da regista e attrice condivide sul palco con gli spettatori le esperienze che hanno contrassegnato la sua carriera, insieme al collettivo di artisti del Teatro Metropopolare, da lei ideato e gestito sin dal 2007 a Prato. Nelle parole e nei gesti di Gioia, che si batte per un figlio difficile, “testa di legno”, ci sono le donne vittime di abuso, gli anziani, i richiedenti asilo e soprattutto i detenuti della casa circondariale di Prato, con cui ha costruito il suo Teatro: “Lavoro in carcere, dove da molto tempo conduco una singolare esperienza di ricerca teatrale – racconta - ho conosciuto in questi anni molti detenuti e conosco il duro impegno di chi, agenti e operatori, lavora all’interno degli istituti di pena. Il desiderio che ha fatto nascere Gioia non è stato dunque quello di tracciare un facile confine tra buoni e cattivi ma piuttosto quello di raccontare delle storie che in questi anni ho sentito maturare dentro di me”.
Inedito Scaldati © Rosellina Garbo
Inedito Scaldati © Rosellina Garbo
 
Con il suo tocco, il carcere maschile di Prato si è trasformato oggi in una “residenza d’artista” e il progetto del Teatro Metropopolare è entrato a far parte del Coordinamento Nazionale di Teatro in Carcere, a dimostrazione che è possibile il miracolo della cultura diffusa, per tutti, senza barriere, “poetica e popolare”.
Come l’energia che si trasforma, il teatro di Livia muta: in questi giorni è tornata a far parlare di sé con Inedito Scaldati, in scena al Biondo di Palermo, dal 23 marzo al 3 aprile, presso la sala Strehler. Dopo Pinocchio al Massimo di Catania, continua la ricerca dentro il mondo di Franco Scaldati, artista palermitano, fiabesco e shakespeariano, oggi da lei “ritrovato”. Livia ci prende per mano e ci conduce dentro un viaggio-laboratorio: “è un lavoro che vuole essere inedito non solo per l’uso di testi, davvero inediti, ma anche per l’approccio verso il maestro. Scaldati amava un teatro che riesce a tradirsi, a cambiare, a sperimentare. Lo spettacolo è “inedito” sulla spinta del desiderio di sperimentare la parola poetica anche con le nuove generazioni”.
È la prima tappa di un percorso di ricerca che sicuramente si arricchirà di lavori nuovi e itineranti. Intanto un poeta fantasma, di macbethiana memoria, un topolino e un popoloso condomino post-atomico, sono destinati a viaggiare per i teatri italiani, superando i troppo stretti confini palermitani e siciliani.
Gioia Ph. Enrico Gallina
 
E Siracusa? Nell’attesa che ritorni ancora e non solo come maestra di recitazione per la nostra Accademia del Dramma Antico, rileggiamo con voi alcuni pensieri di Livia sulla sua Siracusa, la città che ha lasciato ma a cui torna con il cuore. La città dove, forse, potrebbe tornare da regista di un itinerante Inedito Scaldati.
"Siracusa è tanti ricordi, io e la mia compagna di scuola che andavamo dentro l’Orecchio di Dionisio a toccare le pareti buie del fondo e sedute lì, immaginavano tutti quelli che lì dentro c’erano stati secoli prima. Riuscivo a sentirne le voci, gli odori …
Il ricordo delle mie radici è legato al mare. Davanti al Liceo in Ortigia. Mi fermavo a guardarlo e leggevo Ovidio, a volte prima della campanella di ingresso.
E poi Siracusa è una poesia “iper-popolare” di uno sconosciuto che la recitava in giro in Ortigia, credo facesse più o meno così:
“Aretusa, Aretusa, l’amuri ca purtasti na sta funtana ballannu e cantannu comu na suprana, passava ri sta strata Alfeo pi canusciri sta picciotta bedda e sapurita”.
Poi passava al discorso diretto “Aretusa, Aretusa ti vulissi parrari e ti vulissi riri ca siti bedda comu na rosa” e poi lui faceva anche la voce di lei “ Alfeeeo! Magari voi siti beddu e sapuritu e magari na sti pena addivintati lu me zito”.
Marzo 2022
Livia Gionfrida in Gioia
 
LUANA ALIANO

Insegna Storia dell’Arte, è Presidente dell’Associazione SiciliAntica per la provincia di Siracusa. Si è occupata di formazione e di didattica applicata ai beni culturali, ha lavorato in un Museo Etnografico a Noto, è stata cultore della materia nella Facoltà di Architettura, ha curato diverse pubblicazioni sul tema dell’innovazione tecnologica applicata ai beni culturali. Non poteva che scrivere per SiracusaCulture.